Parlare al bambino nel pancione

Quante volte hai avuto un dialogo interno con il tuo bambino? Quando ero incinta di Gingy lo facevo spesso e ora ho scoperto, studiando la psicologia prenatale, che il dialogo psichico tra madre e bambino è reale. Ecco come è possibile.

Comunicare con il bambino: istinto o scienza?

È sempre il momento giusto per rivolgere le attenzioni e parlare al tuo bambino nel pancione.

Quello che può sembrare solo un’istinto di mamma è in realtà stato dimostrato dalla psicologia perinatale come uno dei migliori metodi per instaurare un rapporto col nascituro e influenzare la percezione del Sè.

In passato si pensava che il bambino al momento della nascita fosse una tabula rasa.

Leggi anche “Cosa comprare per un neonato“.

Cioè che le sue strutture mentali e il suo cervello non fossero mai stati usati e di conseguenza non possedesse alcun giudizio sul mondo.

Studiando poi i bambini nati prematuri e approfondendo le ricerche anche ai feti all’interno del pancione, si è potuto osservare in che modo si sviluppano i vari sensi.

Il bambino costruisce quindi le prime esperienze sensoriali nella vita prenatale, le quali abbozzano la sua mente psichica, i suoi schemi mentali e il modo di “categorizzare” il mondo.

Ne consegue inevitabilmente che un bambino senziente all’interno della pancia della mamma comunichi con lei, rispondendo agli stimoli inviati e generandone di nuovi.

Quante volte ti sei trovata a fare un dialogo interno con il tuo bambino?

ascoltare musica nel pancione
Ascoltare musica nel pancione

Quando ero incinta di Gingy ho iniziato a dialogare con lei, sia a voce alta, che attraverso la mente, in una sorta di botta e risposta psichica.

Ho scoperto, studiando la psicologia prenatale, che il dialogo psichico tra madre e bambino è reale.

Esso è reso possibile da uno scambio continuo di cellule e ormoni, dove entrambi i sistemi, quello materno e quello fetale, si influenzano a vicenda.

Perché parlare al bambino nel pancione fa bene

“Se un bambino durante i primi nove mesi della sua esistenza intrauterina è stato desiderato perché è stato concepito responsabilmente… durante la gravidanza ha ricevuto l’accettazione e la gioia materna perché era desiderato… è stato ascoltato perché i suoi genitori sapevano che era capace di comunicare… è stato capito perché è stato ascoltato… è stato accarezzato perché i suoi genitori sapevano che era sensibile… è stato accudito perché è stato desiderato, ascoltato, capito e coccolato… questo bambino, che è sempre stato accolto, nascerà e crescerà pensando di valere molto[…]”.

G. Arrigoni Ferrari, La comunicazione e il dialogo dei nove mesi.

Se pensi che già dalla 7a settimana di gravidanza inizia a formarsi il primo senso, cioè il tatto, attraverso la formazione di sensori attorno alle labbra, puoi capire quanto sia veloce il suo sviluppo e quanto il tuo bambino abbia bisogno di sentirsi amato e rassicurato.

Un bimbo mai pensato e rifiutato già nell’utero materno è un bambino mai esistito.

Parlare al bambino nel pancione fa bene perché egli si sente chiamato in causa, reale, percepisce il calore materno e i pensieri affettuosi che gli vengono riservati.

Come parlare al bambino nel pancione?

Ora che hai compreso l’importanza immediata e futura di comunicare con il tuo bambino, vorrei proporti un divertente esercizio da fare da sola o insieme al tuo compagno.

Si dice che parlare al bambino con tono amorevole, ascoltare musica, cantargli le canzoni e leggergli le fiabe siano tutti ottimi modi per instaurare un rapporto.

Tuttavia, proprio perché le parole sono importanti, anche il contenuto di ciò che gli si dice è fondamentale.

Perché se è vero che il bambino non possiede ancora delle strutture mentali capaci di decifrare il linguaggio, è vero anche che possiede le capacità empatiche per comprendere il tono e l’intenzione con cui gli si parla.

Ti propongo quindi un modo di parlare al tuo bambino diverso, come riportato nello scritto di Anna Stella Nutricati “La psicologia prenatale e il tempo”.

Alcuni pensieri costruttivi, suggeriti dalla psicologia prenatale, che le mamme possono verbalizzare mentre cullano il nascituro o comunicano con lui:

“Tu sei unico…nessuno è, o sarà mai, uguale a te… io amo questa tua unicità… amo e accetto la tua diversità… ti amo totalmente come sei e come sceglierai di essere…” ;

“Non ho progetti su di te …non ho aspettative… ti accolgo e ti amo perché sei il mio bambino…” ;

“Il mio compito è quello di aiutarti ad essere ciò che sei nel profondo di te… ad essere te stesso…” ;

“So che in te c’è un mondo di potenzialità che hanno bisogno di esprimersi… io ti sosterrò nelle tue iniziative per fare uscire tutte le cose meravigliose che sono in te…”;

“Hai il diritto di avere le tue idee, diverse dalle mie… anche se in futuro non riuscissi a condividerle, le rispetterò…”;

“Tu sei un grande meraviglioso bambino… e io sento che in te c’è in potenza una grande meravigliosa persona…” ;

“Sono felice che tu esista…” “.

Anna Stella Nutricati propone inoltre alcune frasi che dovrebbero invece essere evitate.

  • ORDINARE, COMANDARE, ESIGERE: “Smetti di agitarti”, “Rispondi al papà” ;
  • MINACCIARE: “Se non mi rispondi non ti parlo più”;
  • RIMPROVERARE, FARE LA PREDICA: “Sono già al sesto mese: dovrebbe essere più comunicativo”;
  • CRITICARE, UMILIARE, INCOLPARE: “Si agita troppo”;
  • DEFINIRE, ETICHETTARE, PARAGONARE: “Sei ansioso come me”, “Sento che è un bambino pacifico: mi assomiglia!”;
  • FARE DEL SARCASMO: “Ma sentitelo come vuole farsi notare!”.

E dopo queste dritte ti auguro una buona comunicazione con il tuo piccolo ;).

Un abbraccio

Sara

Leggi anche “7 consigli per l’abbigliamento in gravidanza”

Leggi anche “La magia del parto”

Leggi anche “Amarlo prima che nasca

Leggi anche “Risorse utili per gravidanza e maternità

sara barletta perinatal coach
Sara Barletta – Perinatal Grief Coach
La 1° Coach in Italia sul lutto perinatale

🌟Supporto le mamme dopo un lutto perinatale a ritrovare il benessere.
Coach e Mamma tra cielo e terra.
Educatrice perinatale in formazione
.

Per un primo colloquio di accoglienza contattami sara@saraonfeet.it.
Camminiamo insieme oltre il lutto.

Lascia un commento