Sintomi di gravidanza: capire le differenze con il ciclo

Sintomi di gravidanza o semplice arrivo del ciclo? Capirlo è spesso complesso perché i sintomi sono molto simili, cerchiamo di capire insieme le differenze.

sintomi gravidanza

Sono incinta? Come capirlo

Ciao, 

in ansia per capire se quelle sensazioni che provi sono semplici sintomi del ciclo che sta arrivando o di una gravidanza appena iniziata?

Lo so, ti capisco oltre ad essere complesso distinguere le differenze tra ciclo e gravidanza, in epoca molto precoce, lo stato d’animo che si vive è spesso di apprensione.

Se la gravidanza è voluta si è in trepidazione.

Il giorno per fare il test di gravidanza è ancora lontano e speri con tutto il cuore di non vedere l’inizio del ciclo.

Se invece la gravidanza è inattesa potresti non accorgerti di essere incinta perché tutti i sintomi di gravidanza vengono filtrati dalla tua mente.

Eh sì, la mente gioca sempre un ruolo fondamentale per interpretare i segnali, a volte forti e chiari, che il corpo invia.

Posso dirti che spesso capire se si è incinta o se il ciclo sta semplicemente arrivando può essere complesso.

A volte le differenze tra i sintomi di gravidanza e l’arrivo del ciclo sono veramente simili tra loro.

L’unica affidabilità ce la conferisce il test di gravidanza (in commercio ne esistono anche di quelli precoci che si possono fare fino a 7 giorni prima dell’arrivo del ciclo).

Oppure le analisi Beta HCG, che rilevano nel sangue la presenza dell’ormone HCG che durante la gravidanza aumenta esponenzialmente i suoi livelli.

Leggi anche “Test di gravidanza: i più affidabili”.

Detto questo sono convinta che ogni donna, se ascolta il suo corpo e libera la sua mente dai condizionamenti, può realmente ascoltarsi e capire da sola se è incinta oppure no.

E questo può accadere anche a chi è alla prima gravidanza.

Nel mio caso ho sentito di essere incinta, entrambe le volte, molto prima che il test fosse positivo!

I sintomi di gravidanza

È bene considerare che, proprio come i sintomi del ciclo mestruale variano da donna a donna, così anche i sintomi di gravidanza sono molteplici.

Alcuni si possono manifestare precocemente, altri in modo più tardivo, altri ancora invece posso non presentarsi.

Vediamo insieme come capire quali sono i sintomi che potresti avvertire:

Seno indolenzito

Prima dell’arrivo del ciclo è possibile che il seno diventi più gonfio e dolente per poi rilasciarsi immediatamente all’arrivo delle mestruazioni.

Anche nel caso di una gravidanza in corso il seno potrebbe indurirsi e i capezzoli diventare molto sensibili.

Ho avvertito questo sintomo in modo marcato durante la mia prima gravidanza.

Non avevo mai sofferto di dolori al seno prima eppure quella volta era quasi impossibile indossare il reggiseno.

Nausea

Durante il ciclo a volte la nausea può essere determinata dallo stato di spossatezza, come per esempio perdite copiose o mal di testa.

Nella fase di pre ciclo potrebbe indicare l’insorgere di una gravidanza, in quanto la nausea è dovuta al cambiamento fisico in atto e agli alti livelli dell’ormone Beata HCG.

Crampi addominali

I classici “dolori da ciclo”, quella sensazione di fastidio alle ovaie possono essere un sintomo di gravidanza.

Spesso il fastidio può essere accompagnato dal dolore alla schiena e da affaticamento.

Ciò che è ho notato personalmente in entrambe le gravidanze è stato che il dolore, dopo circa 10 giorni dal concepimento, coinvolgeva anche l’utero.

È stato breve e intenso, quasi come uno spillo.
Quel tipo di fastidio può significare l’impianto dell’ovulo fecondato all’interno dell’utero.

Perdite da impianto

Qualche giorno prima della comparsa del ciclo si possono avere dei sanguinamenti.

Anche il sintomo di gravidanza può manifestarsi con il sanguinamento.

Si tratta di perdite da impianto, che indicano che l’ovulo fecondato si è impiantato nell’utero.

Sono delle perdite a macchie di colore marroncino che durano al massimo 2/3 giorni. 

Leggi anche: “Perdite da impianto: Come riconoscerle

Sbalzi d’umore e stanchezza

Gli ormoni anche prima del ciclo sono ballerini, si sa.

La tipologia di stanchezza e di sbalzi d’umore durante la gravidanza a mio avviso sono molto intensi.

Attacchi di fame improvvisa, attacchi di sonno imminente, stanchezza paragonabile a ore di cammino sotto il sole, sono solo alcuni degli esempi che rendono i sintomi della gravidanza più impattanti sulla vita emotiva della donna.

Anche la “lacrima facile” ho notato essere molto presente a inizio gravidanza.

Aumento della temperatura basale

Il corpo sta accogliendo una nuova vita, la sua temperatura basale spesso aumenta.

È possibile che a ridosso della data del presunto ciclo, quando l’ovulo fecondato si è impiantato nell’utero e prosegue la sua crescita, ti senta come se avessi la febbre.

Una febbriciattola leggera, accompagnata da vampate di caldo e leggeri brividi.

Probabilmente se ti misurerai la temperatura potrà aggirarsi intorno ai 37.3° o più, senza raggiungere i 38°.

Personalmente avendo una temperatura basale molto bassa, durante le gravidanze ho capito subito che si trattava di un sintomo anomalo in quanto presentavo la temperatura di 37,4°.

Bene, questi sono i maggiori sintomi di gravidanza che è possibile, con un’attenta analisi, distinguere dai semplici sintomi premestruali.

Per avere comunque un’accuratezza della diagnosi di gravidanza è bene attendere almeno al primo giorno di mancato ciclo per effettuare test o analisi.

Un abbraccio 

Sara

Leggi anche “Risorse utili per gravidanza e maternità

sara barletta perinatal coach
Sara Barletta – Perinatal Grief Coach
La 1° Coach in Italia sul lutto perinatale

🌟Supporto le mamme dopo un lutto perinatale a ritrovare il benessere.
Perinatal Grief Coach

Mamma tra cielo e terra.
Educatrice del Femminile in formazione.
👁 Risvegliatrice d’intuito.


Per un primo colloquio di accoglienza contattami [email protected].
Camminiamo insieme oltre il lutto.

Questo articolo è a scopo puramente divulgativo, pertanto non può sostituire in alcun caso il parere di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari (odontoiatri, infermieri, psicologi, farmacisti, veterinari, fisioterapisti, ecc.).

Lascia un commento